Grecia Continentale

La regione dell’Elide, Peloponneso

Elide

Kyllini, Kastro Chlemoutsi, Loutra kyllinis, Arkoudi, Monastero Panaghia Eleousa (Liyia Ilias),Glyfa

La Regione dell’Elide, che si trova nella parte occidentale del Peloponneso, è una delle tre unità periferiche in cui è divisa la periferia della Grecia Occidentale , il capoluogo è la città di Pyrgos. Si tratta di una zona non molto conosciuta turisticamente parlando.

Ce la racconta e descrive la nostra amica Konstantina Giannopoulou, nata ad Atene, ma cresciuta nel Peloponesso, in un piccolo paese vicino al mare, a pochi km da Loutra Kyllinis, nella regione di cui parleremo, l’Ellide. Il paese si chiama Liyia.

Kostantina è laureata in Lettere Classiche presso l’universita’ di Lecce, vive da 4 anni a Milano, dove impartisce lezioni di greco Moderno on line, ed ora è pronta a raccontarci i luoghi in cui ha vissuto.

La Regione dell’Elide, zona Nord Ovest del Peloponneso
Ellide
Elide

Come raggiungerla

In aereo volando su Atene e poi con l’auto per circa 300 km, altro aeroporto di riferimento è Kalamata da qui occorre percorrere circa 170 km ci sono voli da maggio a settembre per coprire la stagione turistica.

L’alternativa è via mare arrivando a Patrasso con traghetti che partono dall’Italia precisamente da Venezia, Ancona, Bari e Brindisi per poi compiere un piccolo tragitto di soli quaranta minuti in auto.

Da visitare

1. Kyllini (porto)

2. Kastro Chlemoutsi

3. Loutra kyllinis

4. Arkoudi

5. Monastero Panaghia Eleousa (Liyia Ilias)

6. Glyfa

Kyllini (in greco: Κυλλήήνή)

È una città portuale che si trova nell’unità municipale di Kastro-Kyllini sulla costa del Mar Ionio, dista 11 km a ovest da Andravida, 28 km a nord-est di Zante e 39 km a nord-ovest di Pyrgos.

Dal porto di Kyllini partono giornalmente i traghetti per le isole ionie di Zante e Cefalonia.

A pochi chilometri da Kyllini si trova il Castello Chlemoutsi situato nel villaggio di Kastro sempre nella municipalità di Kyllini, sul promontorio più occidentale del Peloponneso ed è edificato sulla cima di una collina dominando la piana di Elide o di Ilia.

Il castello fu eretto nel 1220 dal principe Geoffrey I di Villehardouin ed era la fortezza più imponente del principato franco di Achaia, che fiorì, durante l’era di Villehardouins. Per realizzarne la costruzione Godefredus entrò in contrasto  con il clero cattolico dell’Acaia confiscandone i beni e ne utilizzò i fondi per dare inizio alla costruzione. Il nuovo edificio venne chiamato Chlemoutsi dai fondatori di Clermont (dal termine greco corruzione), i veneziani in seguito lo definirono Castellο Tornese ritenendo erroneamente che lì avesse sede la zecca franca di Tornes.

Kyllini

La sua posizione su un piccolo altopiano di 226 metri sul livello del mare nei   pressi   del moderno villaggio di Kastro-Kyllini gli conferisce una vista dominante sulla campagna circostante, compresa la pianura costiera di Elide fino a raggiungere le Isole ionie di Zante e Cefalonia e la costa di Etolia-Acarnania sullaterraferma. La vista da questa posizione, la scalinata e la qualità della costruzione stanno ad indicare che Chlemoutsi non venne edificato come una cittadella per Glarentza, ma che ebbe un ruolo militare indipendente nell’ assicurare il controllo su tutta la regione.

Dal 2008 all’interno del castello è possibile trovare un museo aperto al pubblico.

Loutra Killinis

Famosa città termale nota per le sue fonti calde sulfuree cloro sodiche, idonee per la cura di malattie della pelle e respiratorie. Il centro idroterapico si trova in una magnifica foresta di pini che termina su una meravigliosa spiaggia dove si trovano alcuni complessi alberghieri di lusso. È il luogo ideale per combinare vacanze e terapia.

Arkoudi : il ‘’paese dei pescatori’’

A pochissimi minuti da Loutra kyllinis incontriamo un minuscolo e pittoresco villaggio sul mare, con una bellissima spiaggia e strutture ricettive per tutte le tasche con molte taverne e caffè.  E’ la destinazione ideale per chi cerca una fuga di relax e momenti romantici guardando il mare al tramonto.

Arkoudi
Arkoudi
Arkoudi

Monastero Panagia Eleousa

Vicino al villaggio di Liyia (a 5 km da Arkoudi) e all’interno di una profonda gola verde si trova il Monastero di Panaghia’ Eleoussa, accanto   al quale vi è una grotta con stalattiti dove l’acqua che c’è all’interno considerata santa.

Durante i difficili anni della dominazione ottomana il monastero di Agia Eleousa fu il rifugio dei vinti, a seguito di molteplici distruzioni e saccheggi sono rimasti visibili la chiesa e una torre semi distrutta che all’epoca serviva a proteggere i monaci dagli incursori o meglio pirati.

Ora la torre è stata restaurata.

Il monastero ha avuto un ruolo importante negli eventi della rivoluzione del 1821. Inoltre ogni anno il 30 ed il 31 agosto si festeggia la Panaghia Eleousa e vengono organizzati diversi spettacoli e danze tradizionali.

Spiagge:

Loutra (Kyllinis) 

La spiaggia di Loutra Killinis dista circa 3,5 km da Kastro ed è parte della costa occidentale del Peloponneso, è lunga quasi cinque chilometri.

La zona costiera e il fondo marino sono costituiti da sabbia. Sulla spiaggia c’è una vegetazione sporadica di profumatissimi gigli di mare. La maggior  parte della spiaggia è attrezzata con tutti i confort  ombrelloni, sdraio, servizi igienici, docce, spogliatoi e cestini per rifiuti. Ci sono bagnini per la sicurezza dei bagnanti, aree mobili per snack e ristoranti.

Non mancano passerelle in legno e infrastrutture per le persone con disabilità.

Lacosta  è  principalmente  utilizzata  per  il nuoto  mentre  si  stanno sviluppando altri sport acquatici (moto d’acqua/vela/ windsurf).

Il numero massimo di bagnanti è stimato in 4.000 persone.

Arkoudi:    

La spiaggia di Arkoudi si trova 1,5 km di distanza dalle terme di Killini. Costituisce la parte costiera di una baia aperta dove si trovano dune di sabbia e gigli di mare.

La flora marina è costituita in massima parte da clorofille attaccate ai bordi inferiori rocciosi. La spiaggia è attreazzata ed anche qui ci sono passerelle di legno per un facile accesso alla spiaggia, bagnini, campo da pallavolo e taverne all’aperto per soddisfare le diverse esigenze degli ospiti.

Glyfa: 

Un angolo più tranquillo e meno turistico ma ugualmente bello rispetto alle spiagge della zona più conosciuta, con sabbia dorata, acque limpide e cristalline. Alle sue spalle c’è una foresta stupenda che la rende ancora più affascinante.

Glyfa

È considerata una spiaggia relativamente tranquilla.

Caratteristico è il porticciolo del circolo nautico della località.

Ringrazio la gentilissima Konstantina Giannopoulou con cui è stato un piacere collaborare alla scoperta di queste località poco conosciute ma davvero affascinanti.

Per le foto ringraziamo Bill Xenos e Spyros SPyros entrambi fotografi amatoriali del luogo.

Se volete confrontarvi con altri viaggiatori iscrivetevi al gruppo facebook collegato a questo Blog: https://www.facebook.com/groups/aciascunolapropriagreciailgruppo/

0 commenti su “La regione dell’Elide, Peloponneso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: